Notizie

Primo volo per il Comac C919, l’aereo di linea cinese

Giornata storica per l’aviazione cinese. Il 5 maggio alle 14:01 locali il Comac C919 è decollato dall’aeroporto di Shanghai Pudong (PVG) per poi atterrare dopo circa 80 minuti. A sottolineare l’importanza dell’evento, la televisione di stato ha trasmesso in diretta il volo inaugurale del C919, il primo aereo di linea narrow body costruito interamente in Cina

Il Comac C919 è un bireattore di linea a corto e medio raggio che si propone come concorrente dell’Airbus A320 e Boeing 737.  Si inserisce nella categoria narrow body medium size, ovvero a singolo corridoio con 150-200 passeggeri. Il progetto iniziale risale al novembre 2008, la prima apparizione pubblica novembre 2015, primo volo nel 2017. Dal progetto al primo volo sono passati appena 9 anni.

Le sue dimensioni, così come il suo aspetto, sono molto simili a quelle dell’A320: lungo 39 metri alto 12, la cabina è alta 2,25 metri e larga 3,9. Sarà prodotto in due varianti principali,  standard con un’autonomia di 4075 km e extended-range con un’autonomia di 5555 km, e in sei differenti modelli che si differenzieranno tra loro per l’allestimento ed il numero di passeggeri. E’ completamente “made in China”, ad eccezione dell’avionica e dei turbofan LEAP-1C prodotti da CFM (joint venture tra americana General Electric e francese Safran).

Comac è acronimo di Commercial Aircraft Corporation of China. E’ un’azienda aerospaziale cinese, nata dalle ceneri di varie aziende del settore, di proprietà statale fondata l’11 maggio 2008 a Shanghai. Il primo aviogetto messo in commercio è stato il Comac ARJ21 Xiangfeng, realizzato inizialmente dal Consorzio cinese ACAC, il quale ha volato per la prima volta il 28 novembre 2008. E’ il primo aereo da trasporto passeggeri interamente progettato e costruito in Cina anche se molti lo ritengono una copia spudorata del collaudatissimo DC9 con un profilo alare rivisto da Antonov.

Foto: 

Articoli correlati

Commenta

Close
X