Notizie

Presunta collisione tra un Boeing 737 ed un drone

Lo scorso 5 gennaio un Boeing 737-700 della compagnia LAM Linhas Aereas de Mocambique era in fase di atterraggio presso l’aeroporto di Tete (Mozambico) quando l’equipaggio ha udito un forte rumore, provocato dall’impatto con un oggetto non meglio identificato. L’equipaggio aveva ipotizzato un bird strike, ma non rilevando alcun anomalia ha proseguito con la procedura di atterraggio.

Il Boeing 737 era decollato da Maputo (Mozambico), volo TM-136, con 80 passeggeri e 6 membri dell’equipaggio.

Da un’ispezione post-volo sono stati individuati danni al radome ma non sono state individuate le “classiche” tracce di un bird strike, i media locali hanno riferito di un probabile impatto con un drone. Come riportato anche da AvHerald, in quella zona del Mozambicole società minerarie utilizzano spesso droni professionali (peso di almeno 10 Kg) per attività di aerofotogrammetria.

In passato altri utenti avevano segnalato alcune operazioni di volo nelle vicinanze degli aeroporti in Mozambico, come presenza di un drone nel sottovento dell’aeroporto di Maputo.

La Mozambique’s Civil Aviation Authority sta investigando sull’incidente mentre la compagnia LAM ha emesso un comunicato in cui conferma l’impatto con un “oggetto estraneo”.

 

### AGGIORNAMENTO 11/01/2017 ###

Ieri 10 gennaio la Mozambique’s Civil Aviation Authority ha indetto una conferenza stampa durante la quale ha reso noto che, in base alle loro analisi, il radome del Boeing 737 LAM non era stasto colpito da un oggetto estraneo bensì è collassato a causa di un difetto strutturale. Il radome installato sul Boeing 737 coinvolto nell’incidente era stato acquistato usato da un’azienda statunitense ed era stato installato in Sud Africa il 27 giugno 2016.

 

Foto e fonte: AvHerald

Articoli correlati

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Close