Curiosità e StoriaSpeciali

Salvo, per ora, il Museo Centrale delle Forze Aeree Russe di Monino

HANGAR 1

Fra i reperti conservati all’interno del primo hangar si annovera l’unico esemplare esistente di Tupolev ANT-2, che è stato il primo aeroplano costruito interamente in metallo in Russia, primo volo 1924. Lo stesso hangar ospita la replica costruita dalla Tupolev negli anni ’80 del Tupolev ANT-25, aereo a lungo raggio che ai comandi di Valerij Pavlovič Chkalov all’alba del 18 giugno 1937 tentò l’impresa di un volo transpolare non-stop da Monino  a San Francisco: a causa di condizioni meteo avverse Chkalov atterrò a Vancouver, Washington, compiendo comunque il primo volo non-stop tra Russia e USA.

Sikorsky S-22 Ilyia Muromets replica di un quadrimotore nato per il trasporto, con salone passeggeri e bagno, successivamente divenuto il primo bombardiere quadrimotore ad equipaggiare una unità di bombardamento strategico appositamente creato.

 

HANGAR 2

L’hangar è dedicato a vere e proprie icone della VVS durante la seconda guerra mondiale, quasi tutte di fabbricazione sovietica: sono presenti un Polikarpov Po2, un Polikarpov R5, un Polikarpov I-16,  la replica con parti originali di un MiG-3, un Lavochkin La-7 nei colori dell’aereo utilizzato dall’ asso Ivan Kozhedub, un Ilyushin Il-2 Sturmovik, un Bell P-63 Kingcobra, un Petlyakov Pe-2, oltre a numerosi motori aeronautici e reperti storici(molti dei quali andati perduti, purtroppo, durante un incendio nel 2005).

 

I reperti della seconda guerra mondiale continuano nell’area che ospita la maggior parte della collezione del museo, quella esterna:

  • Antonov An-22 Antei “Cock”: fino all’entrata in servizio del C-5 “Galaxy” è stato l’aereo da trasporto militare più grande del mondo

 

  • Bartini Beriev BBA-14: Due soli prototipi costruiti. Primo volo 4 settembre 1972,  ekranoplano anfibio a decollo verticale, prevedeva in origine l’impiego di galleggianti gonfiabili, poi divenuti fissi. Il progetto si è arrestato dopo un centinaio di ore di volo in seguito alla morte di Bartini. Le ali sono state staccate.

Bartini Beriev BBA-14

 

  • Beriev Be-12 Tchaika(Gabbiano) “Mail”: bimotore anfibio a turboelica anfibio a scafo centrale pensato per il pattugliamento marittimo e la lotta antisom.

Beriev Be12Tchaika_Mail sullo sfondo coda del Tu144 Charger

 

  • Diskoplan-1 (progettato da Sukhanov) 1958: di questo aereo si sa ben poco, a parte la probabile derivazione da ricerche tedesche della seconda guerra mondiale. Unico.
  • Douglas A-20G Havoc: è stato un bombardiere leggero e un caccia notturno della seconda guerra mondiale prodotto negli Stati Uniti e impiegato da varie forze aeree alleate, soprattutto quelle di Unione Sovietica, Regno Unito e Stati Uniti.
Pagina precedente 1 2 3 4 5 6Pagina successiva

Articoli correlati

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button