Notizie

Il Concorde tornerà a volare?

C’è chi cerca di salvare dall’estinzione la talpa dorata di Van Zyl, c’è chi cerca di salvare la propria reputazione, c’è chi cerca di salvare il mondo dal Male… e chi cerca di salvare il Concorde.

www.saveconcordegroup.co.uk

Per circa 8 anni, cioè da quando è stato dismesso, il Concorde è stato considerato come niente altro che un pezzo da museo. C’è qualcuno però che già si immagina quel “pezzo da museo” allineato sulla pista, pronto per il decollo. I tecnici della Heritage Concorde ritengono di poter affrontare questa sfida.

G-BOAC è stato il primo Concorde ad essere acquistato dalla British Airways, ora è custodito nel museo di Manchester. La procedura di dismissione prevede il drenaggio del carburante dai serbatoi e di tutti i liquidi idraulici, la rimozione di tutto ciò che è esplosivo come il sistema di ossigenazione ed i serbatoi di nitrogeno, la rimozione dei collegamenti elettrici a terra….. Le guarnizioni dei sistemi idraulici, non essendo più bagnate dai liquidi, finiscono per seccarsi ed indurirsi, facilitando il passaggio dell’aria e quindi dell’umidità, che causa danni ai sistemi; la rimozione del materiale esplosivo implica l’apertura di pannelli e botole chiuse ad alta pressione con metodi poco ortodossi che ne causano la deformazione…

I tecnici ed ingegneri dell’Heritage Concorde Tech, supportati dal Save Concorde Group, hanno iniziato il lavoro di restauro di G-BOAC in maniera stupefacente, stando alle parole di Ben Lord, Presidente dell’SCG. Il loro primo obiettivo è quello di salutare l’avvio delle Olimpiadi di Londra 2012 con il muso del Concorde funzionante ed abbassato (il muso Concorde può essere abbassato durante le operazioni a terra per aumentare la visibilità e facilitare il rullaggio ai piloti, e può essere rialzato in volo per dare all’aereo una forma più aerodinamica per facilitare il raggiungimento di velocità elevate in crociera).

Purtroppo ultimamente il restauro di G-BOAC è stato interrotto, sembra per motivi di sicurezza, in quanto l’aereo in questione è esposto in un museo e le operazioni condotte dai tecnici dell’HCT potrebbero mettere a rischio la salute dei visitatori.

Speriamo che salvare il Concorde non sia cosi difficile come salvare il mondo dal male!

Articoli correlati

Un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio